Africa

Carissimi amici di Karibu è un po’ di tempo che non ci sentiamo e che non vi racconto un po’ di come davvero ci state aiutando ad aiutare. L’occasione della Pasqua imminente e la visita di Graziella e Sergio, sono ottime ragioni per scrivervi.

Proprio ultimamente abbiamo avuto diverse situazioni che, grazie al vostro aiuto abbiamo potuto affrontare dal punto di vista economico senza aver paura di togliere qualche cosa a qualcun altro.

1)     Circa un mese fa è venuta da noi una ragazza di 15 anni, accompagnata da una signora …. Da quasi un anno, con forti dolori, la ragazza aveva un seno ingrossato e indurito. Era stata all’ospedale e le avevano detto che doveva essere operata ma non aveva i soldi per farlo. Immediatamente è stata aiutata, è andata all’ospedale e dopo una settimana è stata operata. Ora è tornata a casa, aspettiamo il mese prossimo per avere i risultati della biopsia, intanto comunque le hanno asportato il seno, e poi vedremo, in base a quello che risulterà, di quali cure avrà ancora bisogno

2)     Un giovane, Nyanda, un mese fa è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale per una crisi della malattia cronica che ha: l’anemia falciforme. Anche per lui il problema era il soggiorno all’ospedale per poter ricevere tutte le cure fino a riprendersi, lo abbiamo aiutato, ora è tornato a casa e sta bene.

3)     Una mamma, la mamma di un giovane, Romanus, che aiutiamo nello studio, 3 settimane fa  è arrivata qui piangendo. Il marito probabilmente la lasciata. Le ha detto che andava a cercare lavoro in un altro posto ma da tre mesi non si fa vivo. Lei si è trovata sola con 6 figli e un giorno scopre una sorta di escrescenza sulla pancia che le fa così male da non poter camminare. È venuta da noi a chiedere aiuto, l’abbiamo mandata ad un centro in città per curare questa cosa che sinceramente non saprei chiamare per nome, guarita, ieri è tornata all’ospedale per una ecografia. Le hanno trovato come un nodulo … oggi stesso  (16.04.2014)sta andando all’ospedale per accertamenti.

4)     Una giovane di 22 anni, Skola, ha contratto una infezione ai denti. Li ha persi tutti! solo pochi potranno essere curati e sistemati. La stiamo aiutando per mettersi una protesi. Pensiamo che a 22 anni una ragazza ha il diritto di poter sorridere senza vergognarsi.

5)     Un anziano 2 mesi  e mezzo fa è venuto a parlare con p.Kessy per avere un aiuto per comperarsi gli occhiali.

Accanto a questi che sono stati casi un po’ più precisi, ci sono poi tutti quegli episodi quotidiani di bambini, giovani, adulti che vengono e o hanno la malaria o hanno i vermi e non avendo soldi per comperarsi le medicine o per fare la diagnosi ci chiedono un aiuto. E sono davvero tanti!

Perciò carissimi amici …. Come potete leggere il vostro aiuto è preziosissimo! E credo che quanto scritto possano essere considerati i migliori auguri per la Pasqua oramai alle porte! Credo infatti che Credere nel Risorto è Credere nella Vita e quanto voi fate è davvero in favore e a beneficio della VITA  di tanti fratelli.

Perciò carissimi grazie e auguri! Il Signore Risorto possa davvero continuare ad essere l’amico che vi dà forza e serenità per vivere le tante fatiche, le tante “morti” che a vote la vita ci pone davanti…

Con riconoscenza i padri di Igoma, andrea, stefano, kessy, emma

E ANCORA AUGURI PER UNA SERENA PASQUA.

 

Carissimi amici,
ci piace come sempre condividere con voi i momenti più belli della nostra fede.
E la Pasqua del Signore è il cuore del nostro credere, del nostro sperare, del nostro vivere in pienezza.
Oggi Cristo, il Figlio del Padre ma soprattutto il nostro fratello “maggiore” ci mostra dove sta la forza dirompente e senza misura della nostra fede. Non nell’essere più generosi di altri, non nel sopportare il dolore più di altri …. Ma nel sapere che nulla e nessuno ci può separare dall’Amore del Padre: “Chi ci separerà dunque dall'amore di Cristo? Forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada?... Ma in tutte queste cose noi siamo più che vincitori per virtù di colui che ci ha amati. Io sono infatti persuaso che né morte né vita, né angeli né principati, né presente né avvenire, né potenze, né altezza né profondità, né alcun'altra creatura potrà mai separarci dall'amore di Dio, in Cristo Gesù, nostro Signore” Cristo è con noi …. Questa è la nostra forza questa è la nostra gioia!
E lo è anche dei fratelli con i quali viviamo. Fratelli e sorelle che tutti i giorni si imbattono nella fatica del “sopravvivere”! La loro fede è  semplice, chiede di toccare e assaporare il Mistero, forse ha bisogno di lasciare alcune dimensioni accolte solo per tradizione o perché portate dai nostri vecchi missionari che la allontanano da una fede incarnata nel loro cuore, nella loro cultura …. Ma è comunque una fede vera, che stupisce e che porta vita!
È una fede del Risorto senza fronzoli e senza troppa teologia: se vivo è grazie a Dio; se soffro so che Lui è con me; ogni giorno mi affido a Dio che è Padre e che vuole, ama, protegge la mia vita, la mia famiglia tutto ciò che sono e ho! È il credere di donne e uomini che desiderano risorgere dalla fatica, dal dolore dall’ingiustizia….. e, la loro sostanziale serenità e il loro sguardo coraggioso e ottimistico al futuro, ci raccontano una pagina del Vangelo del Risorto tutti i giorni!
Carissimi amici, è Pasqua! Cristo è risorto! La morte è stata sconfitta… non dobbiamo temere nulla! Lui è con Noi… è ciò che celebriamo oggi, è ciò che il Signore ogni giorno, ci permette di vivere stando qui con questi nostri fratelli!
È quella grazia abbondante e gratuita. È quell’Epifania quotidiana del Padre che  viviamo tentando di ascoltare la Sua voce, la Sua Parola che ci parla attraverso le persone che incrociamo, attraverso le attività che portiamo avanti.
Le attività di evangelizzazione della parrocchia: la notte di Pasqua celebreremo un centinaio di battesimi di persone adulte, nuovi fratelli e sorelle che cammineranno insieme a noi per testimoniare la paternità di Dio; l’ufficio parrocchiale ogni mercoledì, occasione per incontrare “quel Cristoforo”(portatore di Cristo) che si avvicina per un consiglio, per un confronto su una fatica familiare ma anche per un aiuto materiale. La catechesi dei ragazzi, degli adulti tante, tante… tantissime vite che camminano in cerca del Signore… moltissime con tanta gioia e entusiasmo! Le celebrazioni Eucaristiche, gli incontri per conoscere e amare sempre di più la Parola di Dio… piccole risposte ad un bisogno grande di identità religiosa di sentirsi famiglia di Dio amati e rispettati!
L’Oratorio con le sue attività che raccontano del Bene che è Lui, ai tanti giovani che trascorrono i loro pomeriggi qui con noi. Un Bene, una Parola che passa anche attraverso un Campionato di calcio, o un ritiro per i giovani o semplicemente uno stare con loro, per loro, accanto a loro.
Continuano anche le attività di sostegno dei più deboli. L’aiuto di generi alimentari mensili a famiglie in difficoltà cresce ogni mese… segno di una povertà sempre più diffusa (siamo in periferia di una città che si sta espandendo e non c’è posto per i poveri!).
La scuola per i ragazzi sordi: due classi, una quindicina di ragazzi, che studiando,   si riscattano da un silenzio opprimente, e non è il silenzio della voce, ma quello dell’ignoranza in cui resterebbero immancabilmente relegati se non avessero l’occasione di andare a scuola.
Il dopo-scuola per i più poveri: occasione per bambini (una decina) e molti adulti (più di venti) di iniziare il percorso dello scrivere e del saper leggere….. per i più giovani poi si apriranno le porte della scuola regolare.
Così come l’aiuto per i tantissimi studenti (sono quasi 250),  che grazie alla vostra disponibilità possono frequentare regolarmente la scuola e crescere, crescere sapendo, capendo e soprattutto potendo scegliere…. Speriamo scegliere di costruire un futuro migliore!
La casa famiglia con i suoi ospiti …. Arrivano a sedersi attorno alla tavola anche in 15. Bambini, ragazzi, giovani …. Che trovano in questo luogo non solo un’occasione per sfamarsi ma soprattutto l’affetto e l’attenzione dei due giovani responsabili che con amore si donano senza riserve.
E non ultima… la Chekechea, la scuola materna….. con un centinaio di bambini, uomini e donne di domani che qui da noi respirano “aria buona”!
Tante piccole grandi occasioni per sperimentare la presenza del Signore Risorto che oggi celebriamo… quel Risorto che tuttavia porta i segni della croce così come la nostra gente , le nostre famiglie, nostri ragazzi, i nostri bambini.
Li consegniamo tutti, tutti e ciascuno, a voi, alla vostra preghiera e alla vostra generosità che sempre ci mostrate. Grazie a nome loro, per loro e con loro!
La gioia del Cristo Risorto sia la vostra gioia e la vostra forza….  Il Signore benedica voi e le vostre famiglie, doni pace e serenità alla vostra vita e forza e coraggio per affrontare le fatiche che incontrerete.
Con riconoscenza la comunità di Igoma: p.andrea, p.kessy, p.stefano.

Il sito è stato realizzato con Joomla! software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL, è ottimizzato per il browser Mozilla Firefox e per una risoluzione video 1280 x 1024

 Lucia Contarino webmaster e web designer - www.luciacontarino.it