India

 Scarica il pdf

 

 

 

Cari amici, benefattori, confratelli e consorelle canossiane,

                  «… Vi annuncio una grande gioia …», così l’angelo si rivolge ai pastori la notte di Natale. La nascita di Gesù, il Figlio di Dio, è evento di gioia. Ha cambiato il corso della storia. Da allora lui è il Dio-con-noi per sempre. La sua presenza è “buona notizia”, annunzio di gioia.

Noi, Padri Canossiani, della missione di Vasai (India), ci accorgiamo che spesso viviamo esperienze ed avvenimenti che sono “buone notizie”, perché ce li dona proprio il Signore.

La prima bella notizia, che ci teniamo a comunicare a tutti voi, riguarda l’Ostello di Nandigam che ospita ragazzi poveri e li aiuta nello studio, grazie anche ai generosi contributi di tante buone persone. Come ricordate, questa casa di accoglienza si trova nel villaggio nativo di padre Vitthal e da alcuni anni assiste un gruppo di bambini e ragazzi. Bene, tre di questi ragazzi proprio in quest’anno hanno completato gli studi, hanno ottenuto un diploma tecnico-professionale e hanno già trovato lavoro. Questi sono Ramadas, Sacchin e Manish. È una vera soddisfazione poter vedere che alcuni di questi ospiti hanno raggiunto con successo l’obiettivo di un buon lavoro. Senz’altro questo sarà di stimolo anche agli altri ragazzi dell’ostello.

Grazie alla generosità di tanti benefattori abbiamo potuto acquistare uno scuolabus per i nostri piccoli ospiti della casa di accoglienza di Rajavali-Vasai. Infatti, la maggior parte di loro va a scuola dai Padri Gesuiti che sono lontani 8 km. Anche questo possiamo annoverarlo tra i lieti eventi donatici dal Signore.

Oltre ai bambini, che quest’anno sono 47, qui nella casa di Rajavali abbiamo anche sette seminaristi e altri quattordici sono nella casa di Arpora (Goa). Il Signore farà il dono di qualche buon padre canossiano tra loro. Ci raccomandiamo tanto alle preghiere di voi tutti in favore di queste giovani vocazioni e perché altre si possano aggiungere.

Lo scorso ottobre abbiamo avuto la visita del nuovo Padre Generale, P. Giorgio, che insieme a P. Bruno è rimasto con noi alcuni giorni e ha visitato le diverse opere. Abbiamo vissuto insieme con loro momenti di fraternità e di serena gioia.

Tra i vari eventi succedutosi purtroppo ce n’è uno triste: l’11 novembre ci ha laciati per il cielo il Sig. Devu, zio del nostro P. Vitthal. Nel suo villaggio è stato il primo a convertirsi al cristianesimo. Ha fatto per 40 anni l’insegnante. Ma soprattutto è giusto ricordarlo perché lui ha fortemente voluto l’Ostello di Nandigam per i ragazzi poveri e sbandati di quei dintorni, e per esso ha dedicato molto del suo tempo e delle sue energie. Era animato da una grande passione per i ragazzi e i giovani. Desiderava che loro avessero un futuro dignitoso. Forte della sua personale esperienza, lui che da figlio di una povera famiglia era riuscito a diventare insegnante, voleva per loro un sicuro avvenire. Possiamo benissimo dire che aveva in sé lo spirito canossiano! Ora noi, in forza della nostra fede, siamo convinti che Devu è in cielo annoverato tra gli amici di Dio. E anche questa allora è “buona notizia”.

Al termine di queste righe desideriamo comunicarvi i nostri più cordiali auguri, che tutti voi possiate gustare la gioia che viene a portare il bambino Gesù, accogliendo l’invito del profeta Zaccaria (9, 9):

Esulta grandemente, figlia di Sion,

giubila, figlia di Gerusalemme!

Ecco, a te viene il tuo re.

 

        A tutti

BUON NATALE

e

FELICE ANNO 2013

       

   Padre Vitthal                Fratel Robert                 Padre Pierantonio

 
 

Il sito è stato realizzato con Joomla! software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL, è ottimizzato per il browser Mozilla Firefox e per una risoluzione video 1280 x 1024

 Lucia Contarino webmaster e web designer - www.luciacontarino.it